Da ieri l’Alleanza ha anche una televisione

Da ieri anche la Nato ha la sua la sua televisione. Obiettivo: recuperare terreno sul fronte della comunicazione, soprattutto in Afghanistan, e contrastare l’offensiva mediatica dei gruppi estremisti. La nuova iniziativa è stata lanciata dal segretario generale della Nato, Jaap de Hoop Scheffer al vertice di Bucarest: «In questo campo eravamo all’età della pietra». Gli ha fatto eco il premier danese Anders Fogh Rasmussen: «I gruppi di estremisti che ci troviamo davanti sono molto veloci nell’utilizzare le nuove piattaforme mediatiche. Noi dobbiamo prepararci a queste sfide». La strategia di comunicazione tv degli alleati prevede l’impiego sul suolo afghano di alcune troupe televisive che realizzeranno tutta una serie di servizi disponibili sul sito web www.natochannel.tv. Lo scopo è quello di raccontare «cosa stiamo facendo, come lo stiamo facendo e perché», ha detto de Hoop. Sulla nuova iniziativa non sono mancate le critiche di chi vede nella nuova tv un puro strumento di propaganda.