Da ieri il metrò ferma a Pero Biglietto a un euro? Si vedrà

Formigoni, contestato dai no global, li spiazza: «Cerchiamo di contenere i prezzi»

Michele Perla

L’inaugurazione della nuova fermata di Pero della Linea 1 della Metropolitana milanese si è trasformata in un momento di festa per i cittadini del comune; una cerimonia che è stata anche l’occasione per un gruppo di no global, per tentare una protesta contro il caro biglietto. A tagliare il nastro a un’opera durata tre anni e costata 148 milioni di euro c’erano molte autorità: dal presidente della Regione Roberto Formigoni all’assessore ai Trasporti e mobilità di Milano Giorgio Goggi. Con loro il presidente di MM Giulio Burchi e il direttore dell’Atm, ing. Maffetti, che ha sostituito il presidente dell’Azienda impossibilitato a partecipare. Tutti, verso le 15 sono giunti a bordo di una carrozza, che ha di fatto battezzato la nuova fermata della Linea rossa.
«Siamo particolarmente soddisfatti per questa nuova fermata che valorizza ancora più la nostra città – ha ringraziato il sindaco di Pero Angela Fioroni -; certo i cittadini hanno dovuto subire qualche disagio, ma ne valeva sicuramente la pena». La nuova stazione della Linea 1 della MM è sorta in via Olona, a qualche centinaio di metri dalla statale del Sempione; a metà strada fra quella di Molino Dorino e Rho Fiera. «Purtroppo – è stato spiegato - l’infrastruttura non è servita da molti parcheggi, anche perché la stazione non va intesa come riferimento di interscambio bensì proprio come riferimento urbano». A guastare la festa ci hanno provato i giovani di un centro sociale di Rho che hanno issato uno striscione per reclamare il biglietto a un euro. Ma non hanno avuto molto seguito, sia perché la gente ha dimostrato di essere su un’altra lunghezza d’onda, ma soprattutto in quanto è stato lo stesso Formigoni a spiazzare i contestatori. Prima annunciando che nel 2007 ci saranno nuove carrozze sui binari della Metropolitana, poi promettendo l’interessamento diretto della Regione per un contenimento dei prezzi della corsa. Le tariffe attualmente in vigore per il Sitam (Sistema integrato trasporti area milanese) sono definite dalla normativa regionale e provinciale e prevedono per il biglietto ordinario interurbano nella tratta «Pero–Lotto», un costo di 1,15 euro (una zona). Quello ordinario cumulativo, tratta interurbana più rete urbana di Milano, a tariffa oraria, 1,50 euro (area gialla). «Troveremo di sicuro un aggiustamento, soprattutto per chi la Metropolitana la usa abitualmente per lavoro – ha detto Formigoni –; stiamo pensando di far rientrare anche questa tratta con tariffa urbana, ma solo limitatamente agli abbonamenti». In altre parole una mano d’aiuto a pendolari e studenti, limitando il sacrificio del maggior costo del biglietto unicamente a quanti usano sporadicamente la linea ferrata sotterranea.