«Ieri per noi era Natale»

Ieri era Natale. No, non stiamo dando i numeri: gli ortodossi russi, una comunità di fedeli di circa 200 persone che si riunisce nella chiesa di via Giulini, si è ritrovata sabato notte e domenica mattina per la liturgia natalizia solenne in lingua protoslava, che i praticanti conoscono a menadito. A raccontarcelo è Igumeno Dimitri, 63enne vicentino, da 26 anni guida della comunità dei fedeli ortodossi di Milano «che vengono dai Paesi dell'ex Urss: al momento, per lo più ucraini», spiega. «Esistono due calendari liturgici ortodossi: quello della Chiesa di Costantinopoli e quello della Chiesa di Gerusalemme, che noi seguiamo. È l'antico calendario giuliano, spostato di 13 giorni rispetto al vostro».