«Le immagini? Avute da un commensale»

«Le foto dovevano essere distrutte ma qualcuno non lo ha fatto. E questo non lo dico io, lo dice chi mi ha messo in condizione di avere queste foto. E chi mi ha messo in condizione di avere queste foto era lì quella sera, a cena». È quanto ha riferito a Radio 24 l’avvocato Mario Di Domenico, autore del libro «Il colpo allo stato», prossimo alla pubblicazione, che contiene le foto scattate 17 anni fa che ritraggono Di Pietro a cena con l’ex agente del Sisde Bruno Contrada. «Non è da poco - dice - che ho queste foto, ma non rivelo il nome, perché i nomi saranno pubblicati sul libro, quando uscirà». Di Domenico, abruzzese, a suo dire ex collaboratore del leader dell’Italia dei Valori, ammette che in nessun modo vuole intralciare l’attività politica di Di Pietro: «Delle sorti politiche di questo signore - dice a Radio 24 - non mi interessa nulla. Ma le pare una cosa eticamente corretta che un ex magistrato dica “Io Contrada non sapevo chi era” e oggi dice “io collaboravo con Borsellino” e Borsellino dice “Contrada è addirittura un assassino”, e lui collabora con Borsellino? O mente oggi oppure mentiva ieri».