Immigrazione, la Cei: "I respingimenti sono una via di fame e morte"

Il presidente della commissione Cei per i problemi sociali monsignor Miglio: &quot;Si riportano i migranti sulle strade della morte e della fame&quot;. <em>Famiglia Cristiana</em> critica: &quot;La deriva xenofoba che sta
prendendo piede&quot;

Milano - La Cei parte all'attacco della linea del governo sull'immigrazione. La decisione delle "nostre autorità di riportare sulle sponde africane coloro che cercavano di raggiungere il nostro Paese" corrisponde a farli tornare indietro "su strade di fame e di morte che già conoscevano: non tutti erano bisognosi di asilo, non tutti santi, ma poveri lo sono di certo". Lo ha scritto sul bollettino del Sir, l’agenzia stampa dei vescovi, monsignor Arrigo Miglio, presidente della Commissione Cei per i problemi sociali e il lavoro, presidente del Comitato scientifico delle Settimane Sociali e vescovo di Ivrea. .

Parallelo fra Albania e Italia Il vescovo disegna un parallelo fra gli episodi di questi giorni e quanto avvenuto nei rapporti con i flussi migratori dall’Albania negli anni scorsi. Gli albanesi di allora erano "naufraghi sepolti in mare", scrive il vescovo, così come "naufraghi del mare e della vita" sono "questi ultimi, con i loro stracci e i loro occhi che ci interrogano sulla nostra crisi e specialmente sulle nostre pubblicità tese a farci consumare di più e di tutto. Sono stati riportati d’autorità su strade di fame e di morte che già conoscevano: non tutti erano bisognosi di asilo, non tutti santi, ma poveri lo sono di certo e in questa occasione sono divenuti assai simili a Cristo, scaricato da Pilato a Erode e viceversa; i due in quel giorno divennero amici, dopo essere stati nemici. A questa cronaca triste e umiliante si sono aggiunte le proposte - poi declassate a battute - di un inedito apartheid da sperimentare a Milano".

"I respingimenti sono come gli aborti"
Per le stesse ragioni per le quali la Chiesa difende la vita innocente contro l’aborto e l’eutanasia, non può accettare che sia posta in pericolo l’incolumità degli immigrati che affrontano il viaggio in mare verso le nostre coste. Ha proseguito Arrigo Miglio.  "Con questo criterio fondamentale - spiega Miglio - si possono e si debbono coniugare tutti gli altri criteri da tenere presenti: la legalità, l’affrancamento dalle mafie dei trafficanti di clandestini, la verifica dei motivi per le richieste di asilo, ecc., ma non a scapito dell’intangibile valore della vita e della persona".

Salvini: "Miglio faccia un giro in metro"
Monsignor Miglio, a pochi giorni dall’inizio dell’assemblea generale dei vescovi italiani, restituisce un quadro complessivo della posizione della Chiesa sul dibattito relativo all’immigrazione in corso nel nostro Paese e fa anche un accenno al dibattito sul caso Milano che giudica come "un inedito apartheid". Immediata la risposta del deputato della Lega Matteo Salvini: "Nessun apartheid a Milano, ma solo sforzi per mantenere la sicurezza". "Sono disponibile a fare un giro con lui sul bus 90/91 o sulla linea verde o rossa della metropolitana questa sera, in borghese e senza scorta e poi - replica il deputato leghista, che ha fatto la proposta dei convogli riservati - parliamo di diritti negati e di chi è vittima della violenza di qualcuno".

Famiglia Cristiana: per un pugno di voti il migrante è nemico
Un nuovo attacco al governo arriva anche da Famiglia cristiana. Il settimanale dei Paolini prende di mira la politica del Pdl in materia di immigrazione, traendo spunto dalle recenti polemiche sugli sbarchi dei clandestini e sui "respingimenti".  "Per un pugno di voti in più, il migrante è un nemico": è il titolo scelto dal settimanale cattolico che, sulle sue pagine, punta il dito contro le decisioni di Palazzo Chigi e Viminale. "Lo stigma del reato di clandestinità - si legge in un editoriale pubblicato sul numero di questa settimana del settimanale - crea le condizioni perché i migranti vengano messi fuori dal consorzio umano. Si continua ad attizzare il fuoco della paura, tutto per una manciata di voti in più. Abbiamo trasformato il migrante in diverso, in nemico. La deriva xenofoba che sta prendendo piede in Italia dovrebbe preoccupare tutti, i cattolici in particolare".

Ddl sicurezza "Il disegno di legge sulla sicurezza approvato dalla Camera con il voto di fiducia (evidentemente nella maggioranza c’è qualche mal di pancia), si intreccia con i respingimenti dei clandestini verso la Libia, ignorando i più elementari diritti d’asilo di chi fugge da guerra, tortura e, spesso, da una condanna a morte. Che ne sarà di questa gente una volta fatta sbarcare sul suolo libico - si domanda il settimanale dei Paolini - in un Paese che non riconosce le convenzioni internazionali sui rifugiati?". "Perché l’Italia, da sempre considerata la culla del diritto e della civiltà giuridica, Paese di profonde radici cristiane - prosegue il settimanale diretto da don Antonio Sciortino - antepone qualsiasi esigenza di sicurezza (vera o fittizia) ai diritti inalienabili dell’uomo? Sarebbe stata molto più efficace una seria politica di programmazione dei flussi e di sanatorie per regolarizzare quegli stranieri già inseriti nella società, come le badanti, che svolgono un ruolo prezioso e, molto spesso, insostituibile".

La polemica sui bambini invisibili Per Famiglia Cristiana "grandi preoccupazioni sorgono per le difficoltà al riconoscimento dei figli nati in Italia da madri clandestine senza passaporto, i cosiddetti bambini invisibili, liquidate frettolosamente come panzane o stupidagginì da esponenti del governo. In realtà è un problema reale che rischia di farci scivolare nella barbarie".