Immobili per 40 milioni di euro sequestrati a Fiorani Anche l’ex Aura a Nervi e l’ex Italcementi a Imperia

da Milano

Terreni e fabbricati per un valore complessivo stimato in oltre 40 milioni di euro, riconducibili alla «Pmg srl», società immobiliare facente capo a Fiorani, sono stati sequestrati, ieri, dai militari della Guardia di Finanza, in via d’urgenza, su ordine dei pm milanesi Eugenio Fusco e Giulia Perrotti, in due ex complessi industriali, di Imperia e Genova Nervi, destinati alla riconversione con destinazione urbanistica di pregio.
Il primo sorge nell’area ex Italcementi di Imperia, dov’è in programma la costruzione di un complesso residenziale; il secondo nell’area ex Aura di Nervi.
Il sequestro degli immobili è avvenuto contestualmente al sequestro del 34% del capitale societario della Pmg, con sede in viale Bianca Maria, a Milano, appartenente ai fratelli Ambrogio e Gianpaolo Marazzina, soci di Fiorani, il cui 25% delle quote era già stato sequestrato in precedenza.
Il blitz è stato fatto dai militari di tre reparti della Guardia di Finanza di Milano, il nucleo speciale di Polizia Tributaria, quello di Polizia Valutaria e la sezione di pg del tribunale. Il sequestro degli immobili è stato disposto in via d’urgenza, in quanto i due pm titolari dell’inchiesta sulla scalata Antonveneta ritenevano che i fratelli Marazzina e Fiorani fossero intenzionati a svendere il patrimonio, per non più di 30 milioni, a società fiduciarie lussemburghesi con l’obiettivo di realizzare il depauperamento dei cespiti in capo a Fiorani, con danno alle pretese del tribunale di Lodi.