Imperdibile «Salome» celebrata da Sinopoli

Impazza Strauss, in questi giorni in Italia: tre teatri, tre grandi produzioni, fra Elettra e Salome. Ed è forse l'occasione buona per ricordare un'edizione di riferimento, di intelligenza rapinosa: la Salome diretta dal compianto Giuseppe Sinopoli, il prestigioso musicista morto sul podio pochi anni fa, figura di grande respiro culturale e presenza imponente nella ricerca interpretativa. La sua Salome, con l'Opera di Berlino, ha per protagonista Cheryl Studer, dotata d'una voce generosa, vicino a una Erodiade d'eccezione, Leonie Rysanek; Jokaan è nientemeno che Brin Terfel; e tutta l'interpretazione, ricca ma anche scabra, mette insieme analisi del linguaggio del Novecento storico tedesco e violenza dura e istintiva, colore esotico e meditazione stupefatta sulla crudeltà.

Giuseppe Sinopoli Salome di Strauss (Deut. Gr)