Imperia, dopo 14 anni arriva il piano anti-rumore

da Imperia

Al termine di un iter durato quattordici anni il consiglio comunale di Imperia ha varato l'altra sera il piano di zonizzazione acustica.
La pratica sulla quale ha relazionato l'assessore all'ambiente Paolo Strescino (Alleanza nazionale) ha raccolto i voti favorevoli della maggioranza di centro-destra, dei Verdi e di Rifondazione comunista. Astenuto, invece, il Pd. Il capogruppo di Forza Italia Antonio Di Marco ha commentato: «Si tratta di un piano che fotografa ottimamente la realtà locale e focalizza l'attenzione su quelle che possono essere le prospettive future». L'analisi della situazione del Prino, il quartiere della movida estiva, sarà oggetto, invece, della discussione da parte del parlamentino imperiese in occasione della prossima seduta convocata per domani sera. L'analisi dei consiglieri servirà da indirizzo ai fini dell'emissione di apposita ordinanza del sindaco Sappa, atta a riportare e garantire la sicurezza dei frequentatori dei locali e il diritto al riposo e alla tranquillità dei residenti.
La serata è stata animata da un divertente siparietto: un guasto al sistema di diffusione acustica ha mandato in tilt i microfoni dei banchi della sinistra. Il capogruppo di Rifondazione Pasquale Indulgenza, visibilmente a disagio, ha dovuto, quindi, spostarsi al centro dell'emiciclo per poter effettuare il proprio intervento.