Importatori multati dall’Authority

da Milano

L’Authority per l’energia e il gas ha comminato multe di 10 milioni a Eni, 2 milioni a Plurigas e 1 milione a Enel per inottemperanza a richieste di informazioni riguardanti il settore gas per il periodo ottobre 2002-settembre 2004. Per lo stesso motivo sono state decise sanzioni amministrative, in misura più lieve, anche per Dalmine Energie (300mila euro) e Sorgenia (200mila) «Le sanzioni - osserva in una nota l’Authority - giungono al termine di istruttorie avviate sulle cinque società alla fine del 2004 per aver fornito con notevole ritardo, o non aver fornito affatto, alcuni dati relativi ai contratti annuali e pluriennali di approvvigionamento di gas naturale dall’estero, in particolare i prezzi medi mensili di acquisto per il periodo ottobre 2002-settembre 2004».
«Tali condotte - conclude l’Autorità - sono state ritenute gravi, in quanto hanno impedito l’attivazione dei flussi informativi necessari allo svolgimento dell’attività di regolazione dell’Autorità. I dati richiesti, infatti, non solo sono funzionali alla verifica delle condizioni economiche delle importazioni del gas naturale, ma assumono anche un rilievo fondamentale per l’effettiva e tempestiva tutela dei clienti finali, supportando le valutazioni dell’Autorità in ordine agli effetti della particolare congiuntura petrolifera nel mercato della vendita al dettaglio del gas naturale». In altri termini, le società importatrici non hanno fornito i prezzi pagati per il gas, e il perché lo si può capire: sono dati «sensibili» che è meglio tener riservati. Ma l’Autorità ritiene di aver il diritto di essere informata, e sono arrivate le multe.