Importavano dalla Cina merce contraffatta

È di cinque perquisizioni tra Tivoli e il quartiere Esquilino a Roma, quattro persone denunciate, tutti cittadini cinesi, due centri di produzione scoperti e 100mila pezzi di merce contraffatta il bilancio del blitz della Guardia di Finanza del comando provinciale di Roma contro l’abusivismo commerciale. I denunciati facevano arrivare dalla Cina cinture e bracciali delle griffe più famose suddivisi in diversi componenti, così da eludere i controlli alla dogana e poi venderli clandestinamente.