Impregilo in altalena dopo lo sblocco delle concessioni Tav

Impregilo, dopo una prima parte della giornata positiva favorita dallo sblocco dei cantieri della Tav, ha invertito la tendenza ed ha archiviato la sessione con un calo dell’1,7% a 3,413 euro. Gli scambi sono ammontati ad un controvalore di circa 3,86 miliardi di euro. É sfumato così il rimbalzo della mattinata, quando il titolo del general contractor aveva aperto in controtendenza, facendo segnare la miglior prestazione tra le blue chip con un rialzo dello 0,52% a 3,49 euro, grazie alla notizia che la manovra triennale messa in cantiere del governo prevede l’abrogazione della revoca delle concessioni Tav decisa nel 2007. Poi, a metà seduta, il titolo ha invertito la tendenza, seguendo Piazza Affari nell’accelerazione al ribasso, sulla scia di tutte le altre Borse europee.