Imprendibili Pirlo, Seedorf e Gilardino

DIDA 7. Autorevole e autoritario sui palloni alti, esaltato dal tifo della curva.
STAM 6. Non ha molto da fare nel primo tempo, nella sua zona non si presenta quasi nessuno, Nedved è un fantasma da Halloween più dolcetto che scherzetto, così l’olandesone può anche permettersi qualche sortita. Una sua esitazione, di posizione, permette a Trezeguet di segnare il golletto.
NESTA 6,5. Si ripresenta con tutore alla mano, gioca facile tipo play station su Trezeguet, che è una ipotesi. Non suda molto.
MALDINI 6,5. Se la vede spesso con Ibrahimovic e gli spiega come si curano i rivali nel nostro football. Esemplare, dalla fondazione dell’impero.
SERGINHO 6. Non galoppa e non trotta, sta a guardia di una zona a rischio, dove Camoranesi si agita bene.
GATTUSO 7. Anima e corpo, gioca sui nervi, stimola, il viagra del Milan e del popolo rossonero. Graziato da Bertini non per il gioco ma per la lingua rossa di peperoncino di Soverato che protesta sempre, a prescindere.
PIRLO 7,5. Gioca molti palloni, in orizzontale, dovunque, in ogni zona del campo e il gol su punizione è una furbata sua, con la complicità di Chimenti. Essenziale nel tocco e nelle intuizioni tattiche.
SEEDORF 7,5. Sblocca il risultato grazie a una deviazione ma sta sempre nel vivo, molestando in pressing qualunque bianconero passi dalle sue parti. Decisivo nella quantità e nella qualità come gli accade, però, raramente.
dal 44’ s.t. KALADZE s.v.
KAKÀ 7. Gol di stile, a mezzo volo, gioca meno palloni di Pirlo, questo è il suo unico limite (si fa per dire), ma il talento è limpido, sempre.
INZAGHI 6. Frenetico, ma non come si ricorda. Giustificato, ma lavora come un mulo.
dal 24’ s.t. VIERI s.v. Da segnalare un suo sinistro, ingobbito lui nella figura, ancora più gobbo il tiro nella traiettoria, finito in curva. Alla memoria.
GILARDINO 7. Caricato a pallettoni, va a destra e a sinistra, difende benissimo il pallone, cerca il dialogo con Inzaghi, si becca una gomitata da Thuram. Gli è mancato soltanto il gol.
dal 35’ s.t. CAFU s.v.Il pendolino partecipa con un paio di corse delle sue.
Allenatore ANCELOTTI 7. I suoi stanno belli freschi, forse qualche tensione di troppo ma i tre punti valgono doppio, soprattutto in tempi di depressione.