Inaugurata la terza agenzia di Reggio Emilia

Nella suggestiva cornice di Villino Vergnani, in via Emilia all'Angelo 1, si è svolta la cerimonia di inaugurazione della terza filiale reggiana di Banca Carige, che si affianca alle agenzie già presenti in Piazza del Tricolore e in Viale Umberto.
Grazie all'istituto di credito, questo edificio liberty è stato riportato al suo antico splendore e restituito alla collettività con una sapiente opera di restauro (sono state ripristinate ad esempio le cromie originali, le strutture sono state nobilitate con materiali d'epoca), in accordo con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per le Province di Bologna, Modena e Reggio.
A fare gli onori di casa, di fronte ad un folto pubblico e a numerose autorità, è stato il vice direttore generale Vicario della Banca, Dott. Carlo Arzani, insieme ad altri esponenti della Direzione Generale e al Direttore del nuovo punto operativo, Paolo Conflitti.
«Siamo molto soddisfatti di poterci espandere in un territorio come quello reggiano, in costante incremento dal punto di vista urbanistico, demografico ed economico - esordisce Arzani -. L'eccellenza e la propulsività di Reggio e della sua provincia, che spaziano dal primato nazionale in termini di tasso di occupazione, alla miglior università pubblica in Italia, passando per l'ottima qualità della vita e per l'approccio pedagogico nelle scuole d'infanzia comunali preso ad esempio in tutto il mondo, ben si coniugano con lo spirito innovativo e il dinamismo che da sempre caratterizzano la nostra attività».
«Anche la nostra Banca può vantare una serie di primati, è stata infatti la prima ex Cassa di Risparmio a quotarsi in Borsa, tra le prime Casse di Risparmio a trasformarsi in società per azioni e dagli anni '90 ha compiuto il salto di qualità passando dalla condizione di banca regionale a banca nazionale. Ma la tempestiva quotazione in Borsa non è l'unico primato che possiamo vantare - prosegue Arzani - siamo stati anche la prima banca ad aprire uno sportello completamente automatizzato, la prima banca ad aprire uno sportello specializzato per clienti extracomunitari, il primo gruppo ad avere una rete integrata di punti vendita bancari e assicurativi, la prima banca ad aprire un punto web a disposizione della clientela, e la prima banca ad emettere una carta di debito con microchip». «L'innovazione rappresenta quindi per noi un valore concreto, come è testimoniato anche dall'andamento del titolo Carige che, già nel 2004, è stato considerato uno dei 30 titoli più solidi al mondo e in dieci anni ha moltiplicato il suo corso passando dal 24º al 10º posto nella graduatoria della capitalizzazione di borsa dei titoli bancari».
«Nell'ambito di un sistema bancario che assiste a continue aggregazioni e fusioni noi continuiamo con determinazione - continua Arzani - nella nostra scelta strategica di autonomia e indipendenza che ci permette di valorizzare le competenze distintive derivanti dalla nostra tradizione di Cassa di Risparmio, e che ci dà la presunzione di essere più vicini alle esigenze ed ai bisogni dei piccoli risparmiatori e delle piccole imprese. Ciò anche in virtù del fatto che da sempre un valore fondante della nostra azione è la massima considerazione del capitale umano, interno ed esterno all'azienda».