Inaugurato al Bambino Gesù un nuovo padiglione intitolato a Giovanni Paolo II

Circa 6mila metri quadrati, sette piani, 88 stanze, 132 posti letto e un grande centro di ricerca: sono alcuni dei numeri del nuovo padiglione di medicina pediatrica inaugurato ieri all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, alla presenza del ministro della Salute, Livia Turco, e altre autorità regionali e locali. Un risultato raggiunto grazie ai fondi raccolti nei primi quattro anni della campagna di solidarietà popolare «Un euro per bambino». «L’eccellenza riconosciutaci a livello nazionale e internazionale - ha detto Francesco Silvano, presidente dell’ospedale - ha solide basi nelle innovazioni assistenziali che vanno dagli interventi multidisciplinari e dalla creazione di ambulatori specialistici per la cura di malattie rare fino alla gestione di pazienti secondo il livello di intensità delle cure e la ricerca clinica». Il nuovo padiglione, intitolato a Giovanni Paolo II, raccoglie e coordina al suo interno tutte le specialità non strettamente chirurgiche dell’ospedale, quali leucemia, diabete, malattie genetiche, malattie metaboliche e altre patologie. La campagna con cui si sono raccolti i soldi donati dalla gente direttamente all’ospedale o presso i tabaccai e le ricevitorie del lotto destinerà i fondi raccolti dal prossimo autunno a nuovi obiettivi. All’interno del padiglione è presente anche il reparto di diabetologia realizzato con il contributo di Enel, che ha partecipato al progetto insieme all’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (Aams), alla Federazione italiana tabaccai (Fit) e a Lottomatica.