Inaugurazione il 1° ottobre con il centenario della Cgil

Inaugurazione «rossa» per la riapertura del teatro degli Arcimboldi che il 1° ottobre darà il via alla nuova stagione con il congresso celebrativo per il centenario della Cgil. Quello presentato ieri dall’assessore alla cultura Vittorio Sgarbi è, però, solo un assaggio di un cartellone ampio e variegato che dovrebbe venire articolato nel dettaglio i primi di novembre. Un avvio un po’ faticoso per un teatro che temporaneamente, dal 1° ottobre 2006 al 30 settembre 2007, sarà gestito dal Comune, in attesa che la struttura diventi una fondazione.
Intanto ieri Sgarbi ha annunciato anche l’organigramma del nuovo Polo della cultura o delle Arti. Presidente sarà Francesco Micheli, già presidente del Conservatorio, che avrà il compito di presiedere il comitato di coordinamento e di pensare a un piano di finanziamento della stagione, mentre sovrintendente della titanica struttura sarà Stefano Zecchi, che avrà, tra l’altro, il compito di garantire che l’impostazione di polo multiculturale venga mantenuta.
La filosofia ispiratrice sarà proprio quella di offrire cultura tutti i giorni e in periferia «venendo meno a quella logica “Scalacentrica” - polemizza Sgarbi - che Muti tanto difendeva». Il teatro, infatti, è inserito nel contesto universitario della Bicocca che vanta circa 30mila studenti nella periferia nord. Non solo, quindi, i grandi spettacoli di danza e musica, ma anche dibattiti letterari, incontri con gli autori, mostre.
Cinque le sezioni per cinque direttori: Paolo Arcà per danza e musica, Ernesto Schiavi per la musica sinfonica, Renata Raineri per il cinema, Maurizio Costanzo per la sezione nuove tecnologie, Fabio Canessa per la letteratura e Maurizio Sciaccaluga per l’arte.