Incappucciata e legata al letto Paura per una cintura sospetta

Donna trovata dalla portiera di una pensione vicino alla stazione Termini, legata al letto. Stretta in vita una
cintura con 5 "panierini". Si temeva fosse una kamikaze

Roma - Mistero in una pensione di via Volturno, a Roma, vicino alla stazione Termini. Una donna di 40 anni è stata trovata dalla portiera dello stabile in una camera del secondo piano legata al letto. Aveva la testa coperta con un cappuccio e il volto tumefatto. Stretta alla vita una cintura con cinque "panierini". Polizia e vigili urbani sono intervenuti in forze. L’operazione è terminata poco fa. Nel timore che la donna potesse essere una kamikaze e che la cintura fosse esplosiva, il traffico nella zona è stato bloccato.

La vittima Era cosciente, ma con il volto tumefatto e completamente ricoperto di sangue la donna trovata nella stanza del bed&breakfast di via Volturno. I tre artificieri della polizia che sono intervenuti l’hanno trovata in terra, e non su un letto come si era appreso in un primo momento, con mani e piedi legati. Gli specialisti della polizia hanno quindi messo in atto un "protocollo elevato" perché la cintura che la donna indossava portava una "fonte di energia, data dal timer azionato". L’azione degli artificieri è durata pochi minuti: hanno messo prima in salvo la donna staccando la cintura poi hanno disinnescato quello che è risultato un falso ordigno.

La scoperta Temendo che fosse morta la portiera della pensione ha chiamato il 118, che ha verificato che la donna, una quarantenne di Torino con piccoli precedenti penali, era viva. A causa della strana cintura sono stati allertati polizia e artificieri. Una parte della cintura è stata asportata e non conteneva esplosivo. La donna - spiegano gli agenti - non era nuda e non sembra esserci un movente sessuale dietro lo strano episodio.  

Gli artificieri "Era fatta bene, chi l’ha fatta non era uno sprovveduto e sapeva come impressionare anche un artificiere". Così Raffaele Clemente, dirigente dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della questura, descrive la cintura rinvenuta addosso a una donna di 40 anni questa mattina in una stanza di un bed&breakfast in via Volturno, a Roma. La cintura è del tutto simile a quelle utilizzate dai kamikaze negli attentati in Medio Oriente. Di colore nero, conteneva alcuni panetti che, secondo quanto afferma la polizia, a un primo esame ricordano la creta che usano normalmente i bambini a scuola. Gli artificieri che sono intervenuti nell’appartamento hanno individuato vicino alla cintura anche un timer azionato e una pipe-bomb, il cui contenuto è al vaglio degli artificieri.