Incendi, al via la campagna preventiva

Ai nastri di partenza la campagna anti incendio boschivo 2008 messa a punto dalla Regione Lazio e dalla Protezione Civile regionale. A partire dal 7 luglio, spot televisivi e radiofonici inviteranno i cittadini laziali e i turisti presenti nelle località di villeggiatura a conoscere i rischi legati agli incendi estivi e a utilizzare il numero verde della Sala Operativa della Protezione Civile per segnalare focolai o situazioni di pericolo.
«Con gli spot - ha spiegato ieri il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, presentando l’iniziativa - si punta a ricordare come nella quasi totalità dei casi, gli incendi siano di natura colposa, e si invitano i cittadini ad essere responsabili». Collegandosi al sito della Protezione Civile del Lazio, sarà possibile conoscere a livello regionale, provinciale o comune per comune tutte le aree incendiate dal 2004 al 2007 nel Lazio, con la possibilità di selezionare gli anni desiderati. E’ inoltre finalmente operativa la legge quadro 353 del 2000, che prevede severi vincoli per le aree colpite da incendio, come il blocco del cambio di destinazione, il divieto di edificare per 10 anni, il divieto per 5 anni di rimboschimento, il divieto per 10 anni di pascolo e caccia. Anche quest’anno, la Protezione Civile metterà in campo 5000 volontari, una flotta aerea composta da 7 elicotteri per spegnimento incendi e sorveglianza del territorio, 250 pick up per avvistamento e spegnimento incendi, e 39 autocarri. La sala operativa della Protezione Civile è attiva 24 ore al giorno e risponde alle segnalazioni al numero verde 803555. Costante la collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato, i vigili del fuoco, il 118 e le Capitanerie di Porto del Lazio. «Le province maggiormente colpite dagli incendi boschivi - ha spiegato il direttore regionale della Protezione Civile, Maurizio Pucci - sono quella di Latina, con il 40% degli ettari bruciati, e quella di Roma». «La giunta regionale ha approvato il nuovo piano triennale per la campagna antincendio boschivo, individuando le caratteristiche meteo e naturali dei terreni e le iniziative che le amministrazioni devono mettere in atto per evitare gli incendi».