Incendiano ditta rivale

Un italiano e due bulgari sono stati arrestati dagli investigatori della squadra mobile per aver incendiato, la notte fra il 14 e 15 maggio del 2006, il capannone della società «Organizzazione e recupero veicoli» di Peschiera Borromeo. Si tratta di Alberto De Micheli, 43 anni titolare della società «Silva», che si occupa di rottamazione e spedizione veicoli all’estero. In manette sono finiti anche due fratelli bulgari: Petro e Dimitar Stanckev di 31 e 26 anni. Secondo la polizia i due bulgari avrebbero appiccato il fuoco in più punti del capannone, su mandato di De Micheli, per danneggiare il concorrente, con cui c’era stato in passato un rapporto societario.