Inceneritore: il Corriere Sestrese in lutto

Il Corriere Sestrese, storica testata del Ponente e tra i primi mensili locali d'informazione della Liguria come numero di vendite, uscirà oggi nelle edicole della delegazione listato a lutto. «Questa scelta, intrapresa per la prima volta dalla redazione dopo anni di attività - è spiegato in una nota -, si è resa d'obbligo a seguito della decisione, da parte dei Comuni dell' Ato, di costruire il termoutilizzatore di Genova a Scarpino».
«Negli ultimi mesi - prosegue il comunicato - la nostra testata ha seguito ogni passo dell'iter che ha preceduto la votazione del 25 luglio, schierandosi nettamente contro quest' ennesima schiavitù di Sestri Ponente. Una presa di posizione decisa ma non cieca, che si è avvalsa di studi scientifici e pareri di esperti, e che ha cercato d'interpretare lo stato d' animo dei tanti sestresi che, di fronte al dubbio della nocività o meno dell' impianto, hanno risposto un secco no all'immaginario referendum che ne permetteva la costruzione». «Strutture come questa - conclude Il Corriere Sestrese - sono necessarie, ma chissà perchè è il Ponente a dover ingoiare sempre tutte le servitù: Porto Petroli, Discarica di Scarpino, Ilva, Canile e altro».