Incentivi alla rottamazione e vetture usate Nel 2008 il mercato italiano soffrirà meno

Con oltre 5 milioni di trasferimenti di proprietà nel 2007, il mercato italiano delle auto usate archivia un anno con un bilancio attivo (più 1,04%), anche se decisamente meno favorevole di quello del mercato delle auto nuove (più 7,07%). D’altra parte – secondo CarNext, organizzazione per la vendita di auto usate provenienti dalle flotte aziendali - «sono state proprio le ragioni che hanno portato le vendite di nuovo su livelli mai toccati in passato a rendere abbastanza travagliato l’andamento dell’usato. Ci riferiamo agli incentivi alla rottamazione che, determinando un aumento della convenienza ad acquistare auto nuove, fanno sì che una quota di automobilisti che in condizioni normali si orienterebbe verso l’usato opti per il nuovo. Con i primi incentivi alla rottamazione del 1997-98 l’effetto sul mercato dell’usato fu molto pesante. Con i bonus del 2007 le ripercussioni sono state invece contenute».
La limitata penalizzazione a cui il mercato dell’usato è stato esposto nel 2007 è dovuta essenzialmente al fatto che gli incentivi non hanno offerto la possibilità di acquistare qualsiasi tipo di autovettura, ma soltanto quelle con emissioni di Co2 fino a 140 grammi per chilometro. Oltre a ciò, vi è però anche il fatto che l’organizzazione del mercato italiano negli ultimi dieci anni è sensibilmente migliorata soprattutto perché si sono affermati operatori che trattano elevati volumi di vetture garantite e certificate per quanto riguarda la percorrenza effettiva. Come è noto, gli incentivi alla rottamazione sono stati rinnovati anche per il 2008. Secondo Franco Oltolini, direttore di CarNext, «l’impatto sul mercato dell’usato sarà però contenuto anche per quest’anno. Gli effetti negativi per l’usato degli incentivi alla rottamazione potranno infatti essere più che compensati dal peggioramento del quadro economico che, generalmente, determina un maggiore orientamento verso l’usato degli automobilisti che, al momento della scelta, prendono in considerazione sia l’opzione auto di seconda mano sia l’opzione vettura nuova». CarNext si occupa della commercializzazione di oltre 35mila veicoli usati all’anno provenienti dalle flotte aziendali del gruppo LeasePlan, regolarmente sottoposti a programmi di manutenzione programmata e che costituiscono nel mercato dell’usato una fascia di offerta particolarmente qualificata. Per questo CarNext è in grado di dare ai clienti privati una garanzia convenzionale di due anni post-vendita per guasti meccanici (contro il minimo di un anno consentito dalla legge), assicurando la massima trasparenza sulla storia dell’autoveicolo e garantendo che i chilometri dichiarati siano quelli effettivamente percorsi.