Inchiesta Guardia di finanza perquisisce Mariella Burani

I «Contadini del tessile»? Ora certifichiamo tutta la filiera

I militari della Guardia di finanza di Reggio Emilia hanno perquisito gli uffici di Milano del gruppo Mariella Burani nell’ambito dell’inchiesta condotta dai Pm milanesi Luigi Orsi e Mauro Clerici. I militari si sono recati nelle sedi di Via Montenapoleone e via Verri, e hanno sequestrato una serie di documenti e computer. Nell’inchiesta per ora sono indagati Walter Burani, il figlio Giovanni e una terza persona con le accuse di aggiotaggio, ostacolo all’attività degli organi di vigilanza, frode fiscale. La procura di Reggio Emilia si occupa invece di contestare eventualmente l’insolvenza. Il buco ammonterebbe a circa 500 milioni di euro. Giorni fa l’assemblea della società ha approvato la ricapitalizzazione della società, ma il salvataggio del gruppo è legato a un filo. La famiglia Burani continua a dribblare le richieste delle banche creditrici di versare «incondizionatamente» i 50 milioni promessi per ricapitalizzare.