Inchiesta nuove Br: tornano a casa due degli arrestati

Arresti domiciliari per altri due degli indagati nell’inchiesta sulle nuove Brigate rosse. Alfredo Mazzamauro, arrestato in luglio 2007, e Giampiero Simonetto, arrestato lo scorso 12 febbraio, lasciano così il carcere su decisione del Tribunale del riesame di Milano. L’inchiesta sulle nuove Br nel capoluogo lombardo era stata condotta dal pm Ilda Boccassini. Diventano così cinque i presunti terroristi che hanno ottenuto gli arresti domiciliari. Per i loro difensori, Sandro Clementi e Giuseppe Peleazza, si tratta «di un segnale importante. Una decisione che manifesta una forte contraddizione all’interno dell’autorità giudiziaria nell’ambito di questa vicenda». Il Riesame ha invece rigettato la richiesta dell’altro arrestato a luglio, Andrea Tonello, arrestato in luglio perchè chiamato in causa dall’unico «pentito» dell’inchiesta Valentino Rossin in merito a un trasporto di armi, che rimarrà quindi in carcere. Da un mese e mezzo la Procura milanese ha chiuso le indagini nei confronti dei diciassete arrestati. E anche per questo, secondo i legali degli indagati si sono attenuate le esigenze cautelari.