Inchiesta su scalata: Agag sentito a Roma

Rcs

Dopo un primo incontro con gli advisor di Ricucci, tra cui Ubaldo Livolsi, l’interesse del gruppo editoriale Lagardère non arrivò a nulla di concreto. È durata poco più di 45 minuti, ieri, l’audizione in procura di Alejandro Agag nell’ambito dell’inchiesta sul tentativo di scalata alla Rcs. L’ex segretario del Partito popolare europeo, genero dell’ex premier iberico Aznar, ha confermato agli inquirenti della procura di Roma di aver avuto dei contatti con Livolsi e con gli altri manager che seguivano l’iniziativa posta in essere da Stefano Ricucci. Ma dalla fase preliminare non si è mai passati a quella operativa. Lasciando gli uffici di piazzale Clodio, Agag ai cronisti ha detto, con un sorriso: «No comment». Durante la breve audizione, durata poco meno di un’ora, Agag avrebbe anche fornito chiarimenti in merito a una telefonata, intercettata dalla procura di Milano di un colloquio tra lo stesso Livolsi e Ricucci.