Un’inchiesta sulle multe postdatate

Date spostate in avanti sui verbali di accertamento delle violazioni per impedire che oltre 100mila contravvenzioni diventassero carta straccia perché notificate oltre i 150 giorni previsti dalla legge. È questo l’oggetto di un’inchiesta del pm Carlo Lasperanza, che ha chiesto il rinvio a giudizio di una funzionaria del Comune. Le multe in questione sono quelle elevate agli automobilisti sorpresi dalle telecamere poste ai varchi della Ztl, il cosiddetto sistema Iride, in grado di produrre in un giorno 12mila multe. Troppe per l’ufficio contravvenzioni, dove in poco tempo si sono accatastati 250mila verbali.
A PAGINA 42