Incidenti in montagna: tre vittime sulle Alpi 

Ancora una tragedia sul Resegone, un ragazzo di 21 anni è precipitato per quasi duecento metri. Val d'Aosta, morta una ragazza uscita fuori pista. Trovato morto un escursionista disperso in Friuli<br />

Milano - Ancora una tragedia sul Resegone, la splendida montagna che sovrasta la città di Lecco, si è compiuta stamattina attorno alle 10 quando un ragazzo di 21 anni residente a Valmadrera (in provincia di Lecco), è precipitato per quasi duecento metri mentre si trovava nel canalone Comera. Subito si è messa in moto la macchina dei soccorsi con l’intervento degli uomini del Soccorso Alpino di stanza al Bione di Lecco, dell’eliambulanza del Sant’Anna di Como e del 118 di Lecco. Purtroppo per il giovane non c’era più nulla da fare. Solo pochi giorni fa era accaduta una disgrazia del tutto simile sullo stesso monte: in quel caso aveva perso la vita un sacerdote della provincia di Milano, originario di Casatenovo e precipitato per 150 metri mentre percorreva il Sentiero 1 del Resegone.

Morta ragazza in fuori pista È morta poco dopo le 14.30 la ragazza rimasta gravemente ferita questa mattina in un incidente nel comprensorio sciistico di La Thuile, ad Aosta. Finita fuori pista mentre sciava è andata a schiantarsi contro un "cannone" dell’impianto di innevamento artificiale, riportando un politrauma. Era ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale regionale Umberto Parini di Aosta. La vittima si chiamava Valentina Di Stefano, ed era giunta ad Aosta in condizioni disperate. I sanitari aostani hanno tentato invano di salvarla. Sull’accaduto sta indagando la polizia.

Friuli: un'altra vittima Un escursionista, del quale non è ancora noto il nome, è stato trovato morto sul monte Raut, nella zona di Andreis a Pordenone, dove risultava disperso da stamani. Secondo le prime informazioni, l’uomo, che si trovava in compagnia di un altro alpinista, sarebbe precipitato dal "Sentiero dei Cacciatori", zona dove ci sono fino a due metri di neve. L'allarme è stato lanciato dal compagno con un telefono cellulare. Sul posto hanno operato gli uomini del Soccorso Alpino di Maniago e l’equipe medica dell’elisoccorso, che intorno alle ore 13.30 hanno rinvenuto il corpo.