Incidenti stradali, altre due vittime

La sicurezza stradale è diventata una piaga sociale allarmante. Ancora due vittime della strada, ancora due giovani hanno perso la vita nella capitale, che detiene, negli ultimi giorni, il triste primato di incidenti mortali.
Il primo è accaduto domenica notte alle 2.30 in piazza Enrico Fermi. Un ragazzo di vent’anni a bordo di uno scooter si è schiantato contro una vettura. E purtroppo non c’è stato niente da fare. Nonostante sia stato soccorso tempestivamente, il giovane è morto poco dopo il ricovero all’ospedale San Camillo a causa delle gravi ferite.
Ieri alle 7.30 del mattino, la seconda vittima dell’asfalto è un uomo di 34 anni che, in seguito al violento scontro tra l’automobile di cui era alla guida e un camion, non è riuscito a salvarsi. Era in fin di vita quando è stato condotto da via Osteria delle Capannacce, dove è avvenuta la tragedia, all’ospedale Sandro Pertini, ma anche lui non ce l’ha fatta. È morto, infatti, poco dopo il ricovero. I vigili urbani stanno cercando di ricostruire la dinamica dei due incidenti mortali che hanno coinvolto le strade della capitale.
Anche lo svincolo tra Cassia e Cassia bis del Grande raccordo anulare è stato teatro di un incidente ieri alle 18.15, tra un pulmino e un mezzo dell’Ama. Il bilancio è di quattro feriti, uno è il conducente dell’Ama, che sono stati trasportati in ospedale.
Un triste appuntamento è previsto per questo pomeriggio alle 15 quando verranno celebrati i funerali di Melania e Davide, le vittime dell’incidente di venerdì scorso avvenuto a Fiumicino. Sarà la parrocchia di Santa Maria Madre delle Divina Provvidenza, in via della Scafa, poco distante dal luogo dell’incidente a dare l’ultimo saluto alle salme dei due ragazzi. Alla funzione, che sarà celebrata dal monsignor Gino Reali, sarà presente anche il sindaco di Fiumicino Mario Canapini che ha disposto il lutto cittadino, con la chiusura dei negozi e la sospensione delle attività lavorative al passaggio del corteo funebre.