In un’incredibile giornata di Maggio c’è James Casson

STANLIO&OLLIO/1. Gianni Cerqueti: (39’Inter-Empoli, finale Torneo di Viareggio, mercoledì Raisat Sport): «Brio come ha visto quest’episodio?». Sergio Brio: «Beh, se ce lo fanno rivedere forse è meglio, perché non l’ho valutato ancora bene».
STANLIO&OLLIO/2. Gianni Cerqueti (76’): «Senti, a questo punto, la domanda non è delle più semplici: fammi il nome secco di chi vince?». Sergio Brio: «Non lo so neanch’io».
BRITISH. Francesco Izzi (25 Rosenborg-Fiorentina, giovedì La7): «Questo è il momento favorevole nel trend del match».
PREPOTENZE. Francesco Izzi (8’): «Aggredisce lo spazio Jorgensen»; (54’): «Un tocco di mano di Skjelbreg che aveva cercato di aggredire il pallone».
UMORISTA INVOLONTARIO. Davide Novelli (Sci alpino da Zagabria, seconda manche slalom femminile, venerdì Raitre): «Certo, non è bello vedersi le gare da casa».
CONSIGLIO. Josè Altafini (93’ Inter-Livorno, sabato Sky Sport): «La difesa del Livorno deve stare un po’ attenta, perché questi due gol poteva anche prenderli, però poteva evitarli».
VIAGRA. Luca Marchegiani (73’ Parma-Milan, sabato Sky Sport): «Secondo me Bucci si è dichiarato impotente».
PARALLELI. Domenico Marocchino (Guida al campionato, sabato Italia 1): «Più passa il tempo, più Maldini assomiglia al papà». Mino Taveri: «E a chi vuoi che assomigli, a me?».
MANZONIANO. Guido Meda (MotoGp Test, domenica Italia 1): «Una carena che si è un po’ inciccita»; «Marco Melandri ha una guida più stilosa»; «Si sono splittati i direttori sportivi».
CINEFILO. Fabio Caressa (46’ Genoa-Sampdoria, domenica Sky Sport Diretta): «Cassano parla con l’arbitro con la mano davanti alla bocca per non farsi vedere da noi. Fa un po’ ridere questa cosa alla 007, James Bond: James Casson».
DIETOLOGO. Fabio Caressa (77’ Genoa-Sampdoria): «Incredibile giornata di Maggio: deve essere quarantena. Nel senso che deve essere a digiuno, si è mangiato anche questo a porta vuota».