Incredibile Oscar di un film strappalacrime

IL SUO NOME È TSOTSI
Bizzarra e ruffianissima storia, incredibile Oscar per il miglior film straniero. A Johannesburg il giovane sbandato Tsotsi ruba l’auto a una donna. Sorpresa: sul sedile c’è un bebè in fasce. Un altro lo mollerebbe al volo, lui lo fa allattare da una vicina disponibile e torna dai ricchi genitori per ottenere corredo e cibarie. La voglia di tenerezza si fa via via più pressante, con un finale strappalacrime che rischia l’effetto boomerang.