«Incroci/derive» spazio ai sentimenti

Sembra immensa la differenza fra un incontro e una deriva. Eppure incrociarsi nella vita vuol dire capirsi e accettarsi, ma, quando questo non succede, il naufragio dei sentimenti innesca una tempesta di sensazioni che è dura a passare. La faceva forse troppo facile Platone che, nel Simposio, avvertiva che la vera essenza di Amore è l’unità fra due individui? Vagli a spiegare che cosa accade invece quando un ostacolo, pur minuscolo come un granello di sabbia, si innesta in un ménage a due che pare oliato e immune ad ogni guasto. È questo il messaggio di Incroci/Derive, opera di Eugène Durif che emozionerà il pubblico dal palco dello Spazio Mil del teatro Filodrammatici. Prodotta da L’Atelier e ambasciata di Francia, per la regia di Sylvie Busnel e l’attenta traduzione di Anna d’Elia, la pièce racconta con sapiente miscela di umorismo, serietà e cinismo l’impossibilità del vero incontro fra due individui. «È un tema antico - spiega Sylvie Busnel - che rinnova però la sua suggestione attraverso le storie di tre coppie. La narrazione si svolge parallela - prosegue la regista - senza intrecci fra le tre vicende. A coglierne similitudini e consonanze è piuttosto l’occhio del pubblico». Il testo altamente poetico si differenzia dai molti del panorama contemporaneo per la sua capacità di rendere la difficoltà dell’essere umano senza tradurre la forza in crudezza, sia nel linguaggio, sia nelle scene. Ad accompagnare i dialoghi è la musica dei Têtes de Bois, che di legnoso hanno solo il nome: Andrea Satta e i suoi musici partecipano degli umori dei personaggi con canzoni di Leo Ferré e un arrangiamento del successo francese anni Trenta di Damia, Sombre dimanche: «Oltre alle canzoni - aggiunge Busnel -, il gruppo eseguirà delle parti solo strumentali per sostenere le voci degli attori, come un contrappunto dei moti della loro anima». A recitazione e musica si aggiunge un terzo livello di lettura, quello dei filmati del regista e video artista Eric Angels che in presa diretta riprenderà pelle, bocca, labbra e mani degli attori, in un montaggio istantaneo che racconti memoria e ossessioni dei personaggi. Inoltre, per chi volesse un antipasto di emozione, oggi alle 18, alla Fnac di via Torino si tiene un incontro con gli artisti.
Incroci/Derive
fino al 30 giugno, ore 21, euro 10-15
teatro Filodrammatici, Spazio Mil
via Granelli, Sesto San Giovanni
info 02 36589066