Indagare le origini del «razzismo»

«Di che “razza” sei? Un mito pericoloso» è il titolo della terza edizione di Festivalstoria, rassegna che si svolgerà a Torino (il 10 ottobre) e a Saluzzo e Savigliano, in provincia di Cuneo (dall’11 al 14). Il razzismo, come ideologia delle razze, implica gerarchie di valori, princìpi di superiorità di certi gruppi (e individui) su altri, fino al limite estremo che concerne il diritto di vita o di morte che alcune collettività, piccole o grandi, pretendono di esercitare su altre. Come sappiamo, il razzismo, ossia l’ideologia che divide l’umanità in gruppi distinti, «naturalmente» disposti secondo un ordine gerarchico, è andato ben oltre il piano della teorizzazione, giungendo ai più efferati crimini, in nome della «superiorità» asserita e conclamata di certe «razze» su altre. Festivalstoria toccherà temi che, a partire dal comune concetto di razza, andranno dall’analisi del razzismo in tempi antichi e moderni, a quella dell’antigiudaismo e dell’antisemitismo, del razzismo in Sudafrica, negli Usa e nell’America latina. Si affronterà la domanda «Di che “razza” sono le donne?», nasceranno discussioni sulle teorie e le pratiche razziali nei fascismi europei e si cercherà di affrontare il tema del razzismo attraverso la sua relazione con religione, scienza, cibo e giurisdizione. Per informazioni sulle sedi del festival e sugli orari degli incontri: sito Internet www.festivalstoria.org oppure tel. 0115624259.