Indagata Striscia Ricci: la Rai ha dato i numeri

da Roma

Antonio Ricci, Ezio Greggio e Max Laudadio sono stati iscritti nel registro degli indagati per l'ipotesi di reato di diffamazione, come atto dovuto, dopo la querela del direttore di Raiuno Fabrizio Del Noce e del conduttore di Affari tuoi Flavio Insinna. Striscia è sottotiro dopo un servizio in cui ha sollevato dubbi sulla regolarità delle vincite del preserale di Raiuno. La Rai ha ribadito la assoluta regolarità del gioco, sottolineando che gli attacchi di Striscia colpiscono una trasmissione che registra regolarmente record di ascolto battendo la concorrenza di Mediaset. La Rai «mente sapendo di mentire, sostenendo che Affari tuoi batte regolarmente la concorrenza, è vero il contrario, come documentano quotidianamente i dati Auditel». Così Striscia la notizia replica alla querela. «Questa tracotanza - scrive l'ufficio stampa Mediaset - ha origine dal fatto che siamo di fronte a impuniti storici». La battaglia tra i due programmi prosegue da tempo. Dopo «la clamorosa denuncia di Striscia sul vincitore di Affari tuoi fidanzato con la produttrice Rai dello show, ovvero colei che sapeva il contenuto dei pacchi - prosegue Mediaset - non è successo niente. Striscia non ha fatto altro che verificare le segnalazioni e dar voce a un esposto che metteva in dubbio la strana casualità dei pacchi con i montepremi più alti che rimanevano in gioco fino alla fine. A dare i numeri è la Rai, che spende i soldi dell'aumento del canone per cause legali ridicole». Intanto Striscia, dopo quella su Wanna e Stefania marchi, registra un’altra vittoria legale: una sentenza a favore contro una presunta diffamazione per il mancato completamento di una superstrada in Calabria.