Indagato ex procuratore della Corte dei conti

Accusato di favoreggiamento in un caso di esposti anonimi

da Aosta

L’ex procuratore della Corte dei conti di Aosta, il giudice Alfredo Lener, sarebbe indagato per favoreggiamento in un’inchiesta su esposti anonimi contro Luciano Caveri, presidente della Regione, per la quale è in corso il processo di primo grado nei confronti di Giancarlo Fisanotti, ex presidente dell’Azienda di informazione e accoglienza turistica di Aosta. Fisanotti è accusato di calunnia, per aver creato 21 esposti anonimi con accuse fasulle che costringevano la Procura di Aosta ad aprire indagini che, dopo le verifiche del caso, venivano sempre archiviate. Oltre alla denuncia del presidente della valle d’Aosta, che è stato falsamente accusato dal furto fino alla concessione di contributi a società di cui farebbe parte, Fisanotti è stato denunciato per diffamazione da Caveri, dalla moglie di quest’ultimo, Nora Martinet, dall’assessore regionale al territorio, ambiente ed opere pubbliche Alberto Cerise e dal consigliere regionale, ex assessore all’agricoltura e risorse naturali Roberto Vicquéry, coinvolti negli esposti. Durante le indagini le Fiamme gialle aostane avevano sequestrato i computer a Fisanotti e tenuto sotto controllo il suo telefono intercettando un colloquio con Lener, trasferito a Roma nel 2002, che avvisava Fisanotti di essere sotto controllo.