Indagine Adsl Caio: «Accelerare investimenti su banda larga»

In assenza di un’accelerazione degli investimenti, il Paese potrebbe trovarsi «da qui a qualche anno a confrontarsi con una carenza strutturale della rete a banda larga». È quanto emerge dal lavoro di ricognizione del settore della banda larga svolto da Francesco Caio e illustrato a Paolo Romani, sottosegretario allo Sviluppo economico. Nell’indagine sono stati focalizzati tre aspetti: l’utilizzo della banda larga, il ritardo nella penetrazione in Italia rispetto ad altri Paesi del G7, le prospettive di crescita della domanda legate all’evoluzione di internet come piattaforma di distribuzione dei contenuti. È stato fatto anche un esame delle opzioni per ridurre le aree del digital divide geografico attraverso un adeguato mix di tecnologie fisse e radio.