Indagine Caso Montecity, Grossi rinviato a giudizio

Il gup Roberta Nunnari ha rinviato a giudizio l’imprenditore Giuseppe Grossi, arrestato nell’ottobre 2009 nell’ambito dell’inchiesta della Procura sulle presunte irregolarità nelle operazioni di bonifica dell’area Montecity-Santa Giulia, nella zona sud di Milano. Nei mesi scorsi, i pm Laura Pedio e Gaetano Ruta avevano raggiunto un accordo con il legale di Grossi, l’avvocato Salvatore Pino, per un patteggiamento a 3 anni e mezzo di reclusione. L’accordo però è saltato, perché Grossi, che ha risarcito circa 22 milioni di euro all’Agenzia delle entrate, aveva chiesto un abbassamento della pena rispetto a quella concordata, anche in considerazione del fatto che nelle scorse settimane gli erano stati sequestrati anche una cinquantina di orologi di lusso del valore di circa 5 milioni di euro. Così ieri il giudice ha deciso di mandarlo a processo (la prima udienza è fissata per il 2 febbraio davanti alla quarta sezione penale), assieme a Paolo Pitta, che era responsabile dell’ufficio legale della Green Holding, la società di Grossi.