Indagine su Terna e Cassa depositi

da Milano

L’Antitrust indaga su Terna e Grtn. L’Autorità per la concorrenza ha deliberato l’apertura di un’istruttoria nei confronti delle società e di Cassa depositi e prestiti.
Le operazioni di concentrazione oggetto di esame consistono nell’acquisizione da parte di Cdp di una partecipazione pari al 29,99% del capitale sociale di Terna, attualmente detenuto da Enel e del ramo di azienda del Grtn. Ai fini della valutazione degli effetti sulla concorrenza dell’operazione notificate, l’Autorità ha tenuto conto della circostanza che Cdp, dopo le suddette operazioni, sarà al tempo stesso azionista di controllo di Terna, con una partecipazione del 29,99%, ed azionista di Enel, attraverso una quota del 10,2%. Cdp potrebbe dunque essere indotta a gestire la partecipazione di controllo detenuta in Terna tenendo conto anche dell’effetto che tali scelte determineranno sulla redditività di Enel.
Secondo l'autorità «la sostituzione di Cdp, in quanto acquirente del controllo di Terna, al Grtn nelle attività in monopolio di trasmissione e dispacciamento dell’energia elettrica, determinerebbe - è spiegato in un comunicato - la creazione di una posizione dominante nell’esercizio di tali attività da parte di un soggetto non del tutto estraneo agli interessi dell’operatore ex-monopolista nei mercati dell’elettricità». Il procedimento si concluderà entro 45 giorni.