Indagine sulle tangenti per un posto al mercato

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla vicenda di presunte tangenti che gli ambulanti di Porta Portese sarebbero costretti a pagare per avere un posto nello storico mercato domenicale capitolino. Estorsione è il reato al momento ipotizzato dal pubblico ministero Caterina Caputo, titolare delle indagini. Il fascicolo, comunque, è contro ignoti. L’inchiesta ha avuto avvio dopo il ricevimento di una serie di atti consegnati dai vigili urbani a conclusione della prima fase di accertamento.