Independence Day Tour Oltre 2.500 i partecipanti

Si è concluso a Lecco, il 16 giugno scorso, con il tutto esaurito, l’Azimut Independence Day Tour, il road show in dieci tappe organizzato da Azimut in collaborazione con Il Sole 24Ore che ha offerto ai risparmiatori l’occasione di incontrare esperti del settore, giornalisti del quotidiano economico milanese, e protagonisti del mondo finanziario e universitario.
«La forte partecipazione, che ha visto oltre 2.500 partecipanti con il tutto esaurito in ognuna delle dieci tappe - afferma il direttore marketing & formazione del gruppo Azimut, Paolo Martini - è una conferma della forte esigenza da parte di risparmiatori, ma anche di operatori qualificati di informazioni chiare e trasparenti».
«L’obiettivo del Tour - prosegue Martini - è stato quello di contribuire, per quanto possibile con le nostre forze, allo sviluppo della cultura finanziaria in Italia evidenziando la diversità del modello vincente di Azimut».
«Abbiamo ritenuto molto importante approfondire, in particolar modo, l’attuale situazione macroeconomica del mercato, gli errori tipici che commettono gli investitori a causa dell’emotività e i concetti di costruzione del portafoglio e di gestione attiva», continua il responsabile marketing di Azimut, sottolineando come sia fondamentale «aiutare i risparmiatori a capire meglio dove e con chi investire. L’industria non è un unico indistinto ma ci sono operatori diversi che operano in modo diverso».
Da sempre l’industria del risparmio gestito è infatti caratterizza da difficoltà di comunicazione tra operatori e clienti. Le informazioni spesso complesse fornite dagli operatori del settore coniugate a una diffusa mancanza di cultura finanziaria provocano, oltre a una serie di difficoltà e incomprensioni da parte dei risparmiatori, anche una generale percezione di appiattimento degli operatori e di offerta indifferenziata. In altre parole, non è facile capire le diversità tra operatori finanziari.
Il gruppo Azimut si pone da sempre sul mercato con un modello diverso, basato sull’indipendenza e sulla reale condivisione del valore con i clienti. I numeri, in assoluta controtendenza rispetto al mercato, evidenziano una storia e un presente di assoluto successo con circa 150mila clienti, 1.200 financial partner e 15 miliardi di euro in gestione.