Indesit Verso la chiusura lo stabilimento di None (Torino)

La crisi ha da tempo travolto anche gli elettrodomestici, e ieri si è appreso che Indesit, il primo gruppo italiano del settore, intende chiudere lo stabilimento di None, in Piemonte, nel quale lavorano 600 dipendenti che fabbricano 700mila lavastoviglie all’anno. La notizia è stata diffusa dai sindacati, dopo un incontro con l’azienda; la quale da parte sua ha confermato l’ipotesi di chiusura, ma, non avendo ancora preso una decisione, non ha comunicato nulla di ufficiale al mercato (ieri in Borsa il titolo ha guadagnato l’11%, sulla scia della notizia che implica una riduzione dei costi). «Premature» vengono definite sia la tempistica dell’operazione, sia gli strumenti sociali che potrebbero essere adottati. Nelle lavastoviglie il gruppo ha due stabilimenti, e la produzione verrebbe concentrata in quello polacco. Oggi i 12mila lavoratori dei 7 stabilimenti del gruppo Indesit sciopereranno per due ore. La decisione è stata presa da Fim, Fiom e Uilm in segno di protesta contro la chiusura.