In India triplica gli investimenti

Ibm

Ibm punta sull’India. Il colosso americano ha deciso di triplicare i propri investimenti nel Paese asiatico a circa 6 miliardi di dollari per i prossimi tre anni, ribadendo così il crescente interesse delle multinazionali, specialmente di quelle a stelle e strisce, per una realtà industriale che permette una forte riduzione dei costi, accompagnata alla creazione di tecnologie volte allo sviluppo di nuovi modi di fare business a livello globale. La società amplierà i propri stabilimenti di Bangalore, roccaforte di Ibm, in India, come ha spiegato il presidente e ad Samuel Palmisano. Allo stesso tempo saranno realizzati nuovi laboratori e centri per lo sviluppo di prodotti e servizi. Non è ancora chiaro quanti nuovi posti di lavoro saranno creati nel Paese, ma di certo non saranno pochi. Del resto «Big Blue», con i suoi 43mila dipendenti, è la prima multinazionale nel Paese e impiega più persone nello Stato asiatico che in ogni altro posto al di fuori dei confini americani.