Indonesia, ressa per il sussidio in 23 muoiono per 4 dollari

L’episodio ha avuto luogo nella città di Pasuruan: <strong><a href="/video.pic1?ID=indonesia_strage">guarda il video</a></strong>. Una famiglia ricca stava regalando 40mila rupie (4,25
dollari) a ogni povero della città, quando nella folla si è diffuso
il panico. Altre otto persone sono in gravi condizioni

Giacarta - Almeno 23 persone sono morte schiacciate nella ressa che si è formata in una città dell’Indonesia orientale mentre erano in attesa della distribuzione di un sussidio. Altre otto persone sono in gravi condizioni. Una famiglia ricca stava regalando quarantamila rupie (4,25 dollari) a ogni povero della città di Pasuruan, a circa 800 chilometri a est della capitale, quando nella folla si è diffuso il panico, secondo quanto riferiscono la polizia e i militari.

Il tragico evento Sono morte almeno 23 persone e numerose sono rimaste ferite in Indonesia nella ressa che ha travolto i circa 10mila poveri in fila in attesa di ricevere una donazione da parte di una ricca famiglia, come è consuetudine nel Paese per i musulmani durante il ramadan. L’episodio ha avuto luogo nella città di Pasuruan, nella parte orientale dell’isola di Java, dove un gruppo di persone si era radunato in attesa della donazione, nota come "zakat", pari a circa 40mila rupie per ognuno (poco più di tre euro). Alcuni sono svenuti a causa della mancanza di ossigeno tra la folla, altri sono morti calpestati. I feriti sono stati trasportati in un vicino ospedale.

Donazioni caritatevoli Le donazioni caritatevoli note come "zakat" sono obbligatorie per i musulmani facoltosi e solitamente vengono effettuate prima della fine del Ramadan. Molti tra i poveri in Indonesia dipendono proprio da queste che garantiscono loro la sopravvivenza anche per qualche mese.