Indro contro Silvio, chi rivanga la rottura ha rotto le scatole

Caro Granzotto, la seguo da sempre con immenso piacere, sia leggendo quotidianamente il suo «angolo» sia i vari articoli pubblicati periodicamente sul Giornale. Ho quindi seguito con particolare attenzione le sue risposte date alle diverse domande sull’abbandono del Giornale da parte di Montanelli. Sapendola amico personale del fondatore e uomo d’onore non ho il minimo dubbio sulla dinamica dei fatti e sulle motivazioni del comportamento di Montanelli. Ciò detto, mi chiedo e soprattutto le chiedo che persona sia e cosa ci facesse nel Giornale, la giornalista Sandra Artom, che si dichiara caporedattore della Terza Pagina del Giornale e quindi informatissima e depositaria della verità sull’affaire Berlusconi-Montanelli, di cui ho letto la lettera da lei inviata al «caro Santoro» dopo aver assistito alla puntata di Annozero dedicata al caso, in cui dà praticamente del bugiardo a Maurizio Belpietro e dei codardi a voi redattori attuali. (Non allego il contenuto di quella lettera che lei da provetto internetnauta, certamente conosce «par coeur»).