Industriali temono il futuro

Si è confermato, nel secondo semestre del 2006, l' andamento positivo per l' industria genovese, già registrato nei primi sei mesi dell' anno. Meno ottimistiche e all'insegna della prudenza, invece, le previsioni rispetto al primo semestre del 2007. È quanto emerge dall' indagine congiunturale effettuata da Assindustria Genova. «A conferma del buon andamento dell' ultimo semestre - ha commentato il presidente di Assindustria Marco Bisagno - vi è il dato espresso dalle aziende della grande distribuzione aderenti a Confindustria Genova, in base al quale i consumi delle famiglie risulterebbero in crescita del 7,3%».
Da luglio a dicembre, il fatturato sul mercato interno è cresciuto dell' 8%, quello estero del 5,6%, gli ordini sono aumentati del 2,8% in Italia e del 3,8% all' estero. Sostanzialmente stabili gli organici, grazie al contributo positivo dei servizi. Il contributo più significativo alla crescita viene attribuito al comparto manifatturiero. Nell'ambito dei servizi, presentano buoni indicatori di crescita i settori della finanza, della sanità e del terziario avanzato mentre appaiono meno positivi quelli della logistica, dei trasporti e del turismo.
Nel terzo trimestre del 2006 le aziende attive sono aumentate di 163 unità, pari allo 0,5% del totale, rispetto allo stesso periodo del 2005.