Inflazione, la Confesercenti attacca «Bisogna dire la verità sui prezzi»

Sebbene non ci siano particolari allarmi dalle stime Istat sull’inflazione a settembre, secondo la Confesercenti è necessaria, invece, una «operazione verità sulla evoluzione degli aumenti dei prezzi di pane e cereali, ma non solo». È ormai chiaro, si legge in una nota della Confesercenti, «che lo scenario delle tensioni sui prezzi alimentari risulta essere molto complesso, a partire da quelle esistenti sulla produzione del grano dovute ad una sua crescente domanda internazionale. Se poi consideriamo il peso di pane e cereali sulla spesa delle famiglie non dimentichiamo che esso è pari al 3,2% del totale di quanto spende una famiglia media, anche se per quelle numerose e per gli anziani la percentuale appare un po’ più elevata. Il confronto va bene - conclude Confesercenti - ma senza polemiche strumentali quando invece serve soprattutto equilibrio e trasparenza».