Influenza A, previsti 280 casi gravi. Distribuiti nuovi vaccini

L’influenza A è sotto controllo. Il contagio è vicino al picco massimo, si contano sei malati ogni mille abitanti, si prevedono 280 casi gravi, ma non si parla di emergenza. In compenso scatta un altro allarme, quello della varicella, che fa capolino nelle aule delle scuole e contribuisce a dimezzare il numero dei bambini presenti dietro ai banchi.
Intanto in Regione Lombardia si fa la conta di quante vittime sono state colpite dall’influenza A e si decide il da farsi. L’assessorato alla Sanità ha deciso di sdoganare altre dosi di vaccino (177mila in più) e di distribuirle, a tappeto, a tutti i soggetti a rischio e non solo alle donne in gravidanza e ai bambini fino a sei mesi. Chi presenta i sintomi continua a recarsi troppo spesso al pronto soccorso, contrariamente a quanto consigliato dalla Regione. In realtà, un malato su due viene rispedito a casa e non ricoverato. «Basta consultare il medico di famiglia» suggeriscono al Pirellone. I medici invitano tutte le donne incinte a vaccinarsi.