Inglesi stregati dal Mancio nuovo look

LOBONT 5
Deve sentirsi impallinato due volte su due. Alla terza va giù come un sacco. Desolatamente dignitoso
CASSETTI 5
Al primo crocevia vede Sneijder e fa la figura della bella statuina. Poi trova Eto’o e sembra un fantasma.
MEXES 6
Vede sibilare qualche pallone di troppo, ma si tien stretto ai compagni nelle difficoltà. E usa sei occhi davanti a Milito.
JUAN 5
Deflagra sul gol di Pandev. Un buco da sprofondo nella depressione. Peccato per la solidità intaccata che pareva un buon antidoto contro Eto’o e Milito. Pandev chi lo contava?
RIJSE 6,5
Il fustacchione soffre come un dannato quando gli arriva addosso Maicon. Ma poi si ripaga con gli interessi: pesca la difesa e Zanetti in vena da pollastri.
PERROTTA 5,5
Non ha più esplosività. O non ancora. Se la cava con il mestiere e la capacità di leggere l’azione.
PIZARRO 5,5
Il diabolico piccoletto non cambia mai di una virgola il suo giocare, finchè serve... (Dall’8’st Taddei 5. Riesce a dare più coraggio a Chivu: non è un pregio).
DE ROSSI 6
Cavaliere senza cavallo. Si aggira in cerca di arte e qualche volta di parte. Non ti delude, ma neppure ti esalta.
MENEZ 5,5
Guizza e sprizza. Ti fa venire i brividi, ma poi c’è sempre qualcosa che non quadra.
VUCINIC 5
Affamato di gol, se ne magna uno da regalare gli incubi. Però non perde mai l’animo e il piede del guastafeste. Anche per la sua squadra, quando cerca Juan e trova Pandev nell’area sua. Bella frittata, idea avventata. (Dal 22’ st Adriano 5. Una bella fischiata e via. Quando corre sembra un cammellone nel deserto. Lo riconosci da un pizzico di tecnica).
TOTTI 6
Ti fa vedere il bello del calcio. E qualche volta dei suoi nervi.
All: RANIERI 6
Vince nel gioco, ma nel calcio serve poco.
Arbitro: BERGONZI Usa l’autorità e l’autoritarismo che servono.