Ingresso sicuro per le bici al parco Nord

Inaugurata la passerella per ciclisti e pedoni che collega Affori all’area verde

Il Parco Nord rinasce e diventa più accessibile per gli abitanti del quartiere. È stata, infatti, inaugurata ieri mattina dal vicesindaco Riccardo De Corato la nuova passerella ciclopedonale di viale Fermi che permetterà agli abitanti di Affori di arrivare facilmente al parco, superando il viale di grande scorrimento che ne ostacolava, fino a ieri, l’accesso. Dalla passerella partiranno altri 45 metri di percorsi nel verde, per i quali sono già cominciati i lavori, e sarà completata la rete di tragitti ciclabili e pedonali che attraversano il parco. «Questo nella ferma convinzione - ha detto De Corato - che obiettivo prioritario della politica del verde sia la salvaguardia degli ambiti naturali e delle aree agricole superstiti all’interno della città, attraverso la realizzazione di una cintura verde nelle periferie milanesi. Progetto nel quale credo fermamente a tal punto che è diventato un obiettivo prioritario della nostra politica del verde. Stiamo infatti completando - ha aggiunto il vicesindaco - la realizzazione di una “cintura verde”, una successione di parchi urbani esistenti e di nuova realizzazione, in continuità con i comuni dell’hinterland: dal parco Nord al parco Agricolo Sud, al parco delle Cave e di Trenno, al Parco delle Groane e Parco Forlanini».
Alla cerimonia del taglio del nastro, che è stata accompagnata dalle note della banda d’Affori, erano presenti anche il parroco dell’Annunciazione di Affori, don Maurizio Lucchina, che ha benedetto il ponte, l’assessore provinciale ai Parchi e alla mobilità ciclabile, Pietro Mezzi, che ha ricordato l’impegno di Palazzo Isimbardi per la valorizzazione del Parco e il sindaco di Cormano, Roberto Cornelli, che ha invitato Provincia e Comune a continuare a investire nell’area verde.
E a proposito di investimenti, sono 22 i milioni di euro che l’amministrazione comunale, socio di maggioranza del Consorzio che gestisce il Parco Nord, ha speso dal 1997 a oggi attraverso contributi e finanziamenti che hanno permesso di estendere la superficie di verde da 3 milioni di metri quadrati a 4,5 milioni. Non solo, all’interno sono state create nuove aree, realizzate infrastrutture e attrezzature per il tempo libero. «Questo - ha sottolineato il vicesindaco - dopo che per otto anni le precedenti amministrazioni avevano smesso di investire in questo importante polmone verde. Noi, invece, abbiamo creato 6 chilometri di piste ciclabili, 17,5 di percorsi pedonali, 2 di passerelle ciclopedonali, 400 posti auto, 10 campi bocce, 7 aree per bambini e 130 orti da destinare agli anziani del quartiere».