Inidonei temporanei Raggiunto l’accordo

Raggiunto un accordo tra Trambus e Sult sulla questione degli «inidonei temporanei». Messi in aspettativa forzata al 50 per cento del loro stipendio base a inizio di luglio per le loro precarie condizioni di salute, i 53 lavoratori di Trambus potranno tornare in azienda. Secondo l’intesa siglata ieri dovranno seguire dei corsi di qualificazione professionale percependo il 90 per cento della paga (circa 800 euro mensili). Per questo motivo è saltato all’ultimo momento lo sciopero previsto ieri in sostegno dei «cassintegrati». Soddisfatto il Sult, adesso sulla vicenda dovranno esprimersi gli altri sindacati.