Iniziato ieri il processo a tre ultrà nerazzurri

Due erano già stati condannati e interdetti alle partite di qualunque stadio d’Italia per due anni, gli altri tre si sono presentati ieri mattina davanti al giudice Pasquale Nobile De Santis. Sono il gruppo di ultrà interisti finiti nei guai per gli incidenti di San Siro che portarono alla fine anticipata dell’Euroderby di Champions league fra Inter e Milan. In un primo tempo si erano resi irreperibili, sebbene non corressero il rischio di essere arrestati per trascorsa flagranza di reato, stabilita entro le 36 ore. I tre imputati hanno chiesto tre riti differenti: abbreviato, ordinario e ordinario condizionato, il giudice ha preso tempo per stabilire date e orari. L’Inter, secondo prassi consolidata, si è già costituita parte civile.