«Inizio delle scuole senza 4mila bidelli»

All’appello di inizio anno scolastico circa 3-4mila bidelli supplenti potrebbero risultare «assenti». Lo denuncia Stefano De Caro (Cgil), spiegando che «la mancata programmazione che sta portando a Roma tanti ritardi nelle nomine dei docenti supplenti annuali, riguarda anche il personale tecnico ausiliario amministrativo». Alla riapertura delle scuole del Lazio, quindi, mancheranno all’appello i bidelli supplenti oltre alle migliaia di docenti le cui nomine sono ancora in alto mare. «Abbiamo sollecitato - ha aggiunto De Caro - un incontro con la direzione generale dell’Ufficio scolastico regionale, in programma nei prossimi giorni, per sbloccare i ritardi sulle nomine dei supplenti, che avrebbero dovuto essere compilate entro il 31 luglio, e le carenze del personale amministrativo». Ieri sono state molte le persone che si sono recate negli uffici del Csa in via Pianciani per ottenere informazioni e chiarimenti sulle nomine per il nuovo anno scolastico e sui ricorsi contro la graduatoria provvisoria delle supplenze.