Gli innamorati specialisti in rapine

Bonnie&Clyde appartengono di diritto all’immaginario comune americano: giovani, innamorati, rapinatori e assassini. Lei lavorava in un bar. Lui si manteneva con qualche rapina saltuaria. Fino a quando, durante uno dei colpi, uccise un negoziante: fra l’ergastolo e la fuga, non ebbero dubbi. Per due anni girarono gli Usa, rapinando negozi e banche, uccidendo poliziotti e civili e sfuggendo agli inseguimenti rubando automobili e cambiandone le targhe. Tutto finì il 23 marzo del 1934 quando, dopo due anni di fuga, morirono in una sparatoria con i federali.